Follow by Email

domenica 10 aprile 2011

Madame Des Espoir ... da giovani scrittori

Un suono freddo, d’astio, e nient’altro.
Perchè sembro sentirlo
soltanto io?
Dividi, umano, con me questa paura.
Confortami!
Nulla.
Ed eccolo, ancora.
E’ il canto profano della disperazione,
famelica guerriera,
signora della mia viltà.

 
Mi prende,
mi devasta,
mi sussurra,
Pace.
Poi torna e mi regala illusioni,
che oggi cantano,
domani mi urleran,
“Vi è un solo modo per uscire dalle rotaie”:
parole acri,
lamine ammaestrate dalla
Disgrazia
al macabro teatro.
Di quale libertà si ornava
le parole quel finto
saggio,
al quale udire il canto portava
consolazione?
Di Scilla e di Cariddi paiono a me,
razza meticcia,
le sue strofe;
seppure ammaliano,
lasciano l’amaro in bocca.
Sarei felice,
si, ma in quale vita?
Non più stelle,
non più Luna,
non più rose per distillarne il vino.
Sguardi profani se ne approprieranno,
e guarderanno te,
Aylliss,
rubandoti l’ingenuità e lo stupore,
mentre mi spegnerò,
portandoti nel cuore.
Sorriso.

(Avidio Mara)

Nessun commento:

Posta un commento