Follow by Email

domenica 24 luglio 2011

Lella Costa "La Sindrome di Gertrude"

 Liberincipit, Presidio del Libro di Barletta, nell'ambito delle rassegna
"Spiagge d'autore 2011" promossa dalla Regione Puglia, Assessorato al
Mediterraneo Cultura e Tursimo, con l'ideazione di Confcommercio e la
collaborazione del Sindacato italiano Balneari e l'Associazione Librai italiani

presenta:
Lella Costa
"La Sindrome di Gertrude" ed. Rizzoli
Conversazione con Costantino Foschini

Ingresso libero, la vendita del libro è a cura della libreria
Trani Libri
Per maggiori informazioni su Gruppo Facebook liberiincipit o

esteralfarano@libero.it


La Sindrome di Gertrude

GERTRUDISMO s.m. Neologismo liberamente ispirato al noto
personaggio manzoniano, indica la tendenza compulsiva
e a tratti patologica a rispondere affermativamente a proposte,
richieste e provocazioni, quasi mai valutandone con
attenzione le conseguenze. La risposta non comporta
necessariamente sventura, talvolta qualche ripensamento.

"Dice Andrea Càsoli che forse non è del tutto chiaro il titolo di questo
libro. Per me invece è chiarissimo. Ovvio: la sindrome di Gertrude è quella che
ha portato la Signora in questione, meglio nota come monaca di Monza, a
rispondere di sì a uno che invece avrebbe fatto meglio a ignorare. Per
passione, per noia, per ribellione, per curiosità, per sfinimento, perché
sapeva resistere a tutto tranne che alle tentazioni.
Ecco, io più o meno funziono così: quando mi chiedono qualcosa, tendo a
rispondere di sì. L’idea che a qualcuno possa interessare un libro su di me,
detto tra noi, continua un po’ a turbarmi. Però in fondo mi piace, e anche
tanto, e mi lusinga un po’, anzi parecchio. A patto, naturalmente, che sia
chiaro in partenza ciò che questo libro non è e non vuole essere: niente
agiografia, niente pettegolezzo, niente eccesso di autoreferenzialità;
piuttosto il gusto di provare a raccontare quella sorta di molteplicità che ha
finito per caratterizzare la mia vita.
Dunque, in sintesi (quella di Càsoli: io ne sono priva), in questo libro
racconterò di carcere e cinema, scarpe e solidarietà, teatro e teiere, musica e
memoria, doppiaggio e diritti civili; ma anche di musicisti, attrici, cantanti,
scrittori, poetesse, stilisti (wow!), soubrette, registi, chirurghi, e
soprattutto di quegli esseri di sovrumana generosità che vanno sotto l’
etichetta riduttiva di “pubblico”.
In questo libro ci siete anche voi, con me.
Parola di Gertrude."


Lella Costa non è figlia d’arte, anche se d’arte visse e vive; non ha un nome
d’arte, ma solo un diminutivo, con cui è chiamata da sempre, visto che per l’
anagrafe è Gabriella; e se di arte un pochino forse, ormai, ne ha, di parte
continua a interpretarne ostinatamente una: se stessa. I testi dei suoi
spettacoli teatrali sono tutti pubblicati da Feltrinelli, raggruppati nei
seguenti volumi: La daga nel loden (1992), Che faccia fare (1998), In tournée
(2002), Amleto, Alice e la Traviata (2008).

Andrea Càsoli è nato a Reggio Emilia, ha studiato a Bologna, (soprav)vive a
Milano di collaborazioni editoriali e giornalistiche.

Nessun commento:

Posta un commento