Follow by Email

domenica 1 maggio 2011

Maschere


 C’è chi se maschera ch’è Carnevale,
pe figurasse un artro per un giorno
senz’artri scopi, che nun sia er ritorno 
de fasse ‘na risata conviviale.

C’è invece chi, e ce n’ho tanti attorno,
lui vive mascherato ner reale,
sintonizzato sempre sur canale
de la finzione come in un firm porno.

E nun me riferisco a quer bon viso
che tocca fà quann’er gioco è cattivo,
ma a tutto un artro tipo de soriso.

Quelo de chi co cento facce è privo
de quela sua e pe quanto s’è diviso
nun sa nimmanco lui si è morto o vivo.
(Stefano Agostino)

Nessun commento:

Posta un commento